ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent

10 settembre | 18:30
11 settembre | 18:30
Piazza Testaccio
50'

Amanda Piña / nadaproductions

Frontera / Procesión - Un ritual del agua

La coreografia affonda le sue radici in una danza emersa dal quartiere di El Ejido Veinte di Matamoros, Tamaulipas, al confine tra Messico e Stati Uniti, danzata oggi in un contesto di violenza legato allo spazio liminale di un confine, in cui si incontrano traffico di droga, militarizzazione e industria del lavoro a basso costo. Questa danza fa parte delle cosiddette “Danze di Conquista”, originariamente ideate dalla corona spagnola per rappresentare la vittoria cristiana sui Mori nella penisola iberica. Durante la colonizzazione era utilizzata come strumento di propaganda razzista: la differenza tra bianchi e non bianchi viene esportata in America Latina. Le persone indigene erano costrette a personificare il “Moro”, ricreando la propria sconfitta, mentre i Cristiani inscenavano la vittoria della Spagna. Nel tempo la danza ha invertito la sua matrice coloniale, trasformandosi, in contesti moderni/coloniali e, successivamente, neoliberisti, in uno strumento per incarnare forme di resistenza, “re-conquista” e autodeterminazione.

Tramite un percorso dialettico tra genealogia e trasformazione, questa danza “de Conquista” in via d’estinzione si fa repertorio di narrazioni, diventa “de Frontera”, in cui hip hop, racconti coloniali, pratiche indigene e misticismo si intrecciano in un movimento continuo di lotta all’oppressione e all’espropriazione. La frontiera però, per Amanda Piña, non è solo un luogo ma qualcosa che rimane impresso nei corpi: contro ogni paradigma coloniale di universalismo, la Escuela de Frontera non può parlare se non a chi incarna una storia di oppressione.

Nell’ambito di RECIPROCITY, Amanda Piña e la sua compagnia lavorano con diverse associazioni attive sul territorio di Roma orientate a rafforzare la solidarietà con e tra donne con diversi vissuti, nate in Italia e altrove. Questo rinnovato rituale dell’acqua suggerisce un ordine politico femminista, attraverso il quale si ripara e ci si prende cura del futuro. L’acqua nei corpi e nell’ambiente è la strada per nuove forme di solidarietà, scorrendo attraverso e oltre le nozioni di confine, culturale, nazionale, linguistico.

 

ESCUELA DE FRONTERA
dal 12 al 14 luglio | Coloriage
La sartoria sociale Coloriage incontra Amanda Piña per un momento di scambio e trasmissione di pratiche sartoriali, finalizzato all’ideazione e alla realizzazione di “nahuilla”, gonna di origine preispanica, rivisitata per Roma con una commistione di wax, plastica e paillettes e con sezioni di corolle di fiori, in sostituzione dei simboli religiosi, che verranno indossate dalle partecipanti al progetto nella Frontera / Procesión – Un ritual del agua.
in collaborazione con Asinitas, Carrozzerie n.o.t, CivicoZero, Lucha y Siesta, MaTeMù, SìR – Sharing In Roma
dal 5 all’8 settembre |Teatro India
Amanda Piña e la sua compagnia incontrano le donne provenienti dalle associazioni del territorio per sperimentare insieme pratiche di movimento legate alla danza “de Frontera” che infine irrompono in PiazzaTestaccio il 10 e l’11 settembre.

 


 

direziona artistica e coreografia Amanda Piña
disegno artistico Michel Jimenez
coreografia e trasmissione Rodrigo de la Torre Coronado, Leader of the Danza de Matamoros
trasmissione a Roma Daphna Horenczic, Juan Carlos Palma Velasco, Lina Venegas, Matteo Marziano Graziano
performance Lina Venegas, Matteo Marziano Graziano, Daphna Horenczyk, Jorge Luis Cruz Carrera, Juan Carlos Palma Velasco, Rodrigo de la Torre Coronado e un gruppo di donne di diverse associazioni di Roma
drammaturgia e sviluppo Nicole Haitzinger
ricerca e teoria Nicole Haitzinger e Amanda Piña
musica Christian Müller
percussioni dal vivo Johnatan Magaña García
costumi La mata del veinte / Julia Trybula / Coloriage Sartoria Sociale
produzione nadaproductions
distribuzione Something Great
senior advisor Marie-Christine Barrata Dragono
amministrazione Angela Vadori / Smart
coproduzione Endangered Human Movements Vol.4, Kiasma Museum of Contemporary Arts Finland, asphalt Festival Düsseldorf
finanziato da City of Vienna (Kulturabteilung der Stadt Wien)
la ricerca per Endangered Human Movements Vol.4 è stata sviluppata con il supporto di Mexican Ministry of Foreign Affairs, Mexican Embassy in Vienna the National School of Folkloric Dance of México, INBA, National Institute of Fine Arts México
con il supporto di DANCE ON TOUR Austria (DOTA)
in collaborazione con Asinitas, Carrozzerie n.o.t, CivicoZero, Lucha y Siesta, MaTeMù, SìR – Sharing In Roma per RECIPROCITY nell’ambito di Boarding Pass Plus Dance