MENU CLOSE

Jérôme Bel

Gala

20€; 15€ ridotto

ACQUISTA ORA

9 e 10 settembre | 20:00
Teatro Argentina
Danza
1h30′


in co-realizzazione con Teatro di Roma – Teatro NazionaleGrandi Pianure – Gli spazi sconfinati della danza contemporanea  
Nell’ambito di La Francia in Scena

Gala offre un approccio diverso alla danza. In questa opera d’arte collettiva, Jérôme Bel riunisce professionisti della danza e dilettanti di diversa estrazione. Gli atti di cui si compone non ci invitano a giudicare, ma rivelano il modo in cui il repertorio culturale di ciascuna persona li coinvolge in una relazione singolare con quel “desiderio di qualcos’altro” che è la danza. Dopo Disabled Theater, un lavoro interpretato da disabili mentali, e Cour d’honneur, che pone un gruppo di spettatori al centro della scena, Gala nasce dalla stessa domanda: come possiamo lasciar entrare nel mondo della rappresentazione sul palcoscenico individui e corpi che troppo spesso ne restano esclusi? Come possiamo sfruttare al meglio tutte le varie risorse di questo apparato unico, il teatro – con i suoi codici, luoghi, generi e professionismi – per allargare il perimetro di ciò che può essere mostrato in esso? E come possiamo (ri) pensarlo come un mezzo democratico che sia alla portata di tutti coloro che sono attratti dalla danza, dal canto e dalle arti dello spettacolo? Spinto dall’esperienza dei workshop con non professionisti condotti in questi anni, Jérôme Bel ha cercato di creare una struttura flessibile, adattabile nei diversi contesti, e che possa dar vita a un’ampia varietà di forme. In tal modo, ha preso la più “comune” delle esperienze teatrali: il gala, un’occasione festiva, di gruppo, che accomuna gli spettacoli di fine anno e gli spettacoli amatoriali. Il risultato è un gala bizzarro, rattoppato, attraversato da momenti di riflessione, come gallerie di ritratti viventi.

La versione romana di Gala è co-realizzata da Short Theatre 2018 e Teatro di Roma – Teatro Nazionale, nell’ambito di Grandi Pianure – Gli spazi sconfinati della danza contemporanea.

È possibile acquistare i biglietti anche presso la biglietteria del Teatro Argentina e a questo link.

Nei suoi primi lavori, Jérôme Bel cerca di applicare una visione strutturalista alla danza per lasciar emergere gli elementi primari dello spettacolo teatrale. La neutralizzazione dei criteri formali e la distanza che prende dal linguaggio coreografico gli permettono di ridurre i suoi lavori al loro grado zero, necessario a una lettura critica dell’economia del palco, e del corpo su questo. Successivamente, il suo interesse si è spostato dalla danza come pratica scenica alla questione del perfomer come un’individualità specifica e particolare. Attraverso l’uso della sua stessa biografia, Jérôme Bel rende politiche le sue domande, consapevole della crisi che coinvolge il soggetto nella società contemporanea e delle forme che la sua rappresentazione assume sul palcoscenico. In forma embrionale in The show must go on, si interroga su ciò che il teatro può essere in senso politico – domande che vengono alla ribalta da Disabled Theater. Nell’offrire il palcoscenico ad artisti non tradizionali (dilettanti, persone con handicap fisici e mentali, bambini …), mostra una preferenza per una “comunità delle differenze” rispetto al “gruppo omogeneo”. Spesso presente alle biennali e ai musei d’arte contemporanea (Tate Modern, MoMA, Documenta 13, Louvre …), dove ha portato in scena spettacoli e film. Nel 2013, insieme al coreografo Boris Charmatz, è coautore di Emails 2009-2010, pubblicato da Les Presses du Réel. Nel 2005, Jérôme Bel ha ricevuto un Bessie Award per le rappresentazioni di The show must go date a New York. Tre anni dopo, con Pichet Klunchun, ha vinto il Premio Princesse Margriet per la diversità culturale (Fondazione culturale europea) per la performance Pichet Klunchun. Disabled Theater è stato scelto nel 2013 per il Theatertreffen di Berlino e ha vinto il premio svizzero “creazione della danza contemporanea”.


www.jeromebel.fr


ideazione Jérôme Bel
con Anastasia Cristini, Andrea Ginevra, Cecilia Borghese, Chiara Lupi, Ella David, Emiliano Argentero, Giacomo Curti, Gioele Fangano, Komara Djiba, Lucia Cammalleri, Lucia Lucidi, Luisa Merloni, Nedzad Husovic, Nicola Gentile, Nina Solfiti, Riccardo Festa, Riccardo Peyronel, Sergio Morgia, Patrizia Vosa, Zhou Fenxia (Sonia)
assistente Maxime Kurvers
assistenti per riallestimento locale Chiara Gallerani e Henrique Neves
eseguito da casting in corso
produzione R.B. Jérôme Bel (Paris)
coproduzione Dance Umbrella (London), TheaterWorks Singapore/72-13, KunstenFestivaldesArts (Brussels), Tanzquartier Wien, Nanterre-Amandiers Centre Dramatique National, Festival d’Automne à Paris, Theater Chur (Chur) e TAK Theater Liechtenstein (Schaan) – TanzPlan Ost, Fondazione La Biennale di Venezia, Théâtre de la Ville (Paris), HAU Hebbel am Ufer (Berlin), BIT Teatergarasjen (Bergen), La Commune Centre dramatique national d’Aubervilliers, Tanzhaus nrw (Düsseldorf), House on Fire con il sostegno di programma culturale di Unione Europea
con il sostegno di Centre National de la Danse (Pantin) and Ménagerie de Verre (Paris) nell’ambito di Studiolab per la fornitura degli spazi di prova
ringraziamenti i partner e i partecipanti di Ateliers dance et voix, NL Architects e Les rendez-vous d’ailleurs
R.B Jérôme Bel è supportato dalla Direzione regionale degli Affari Culturali dell’Ile-de-France,  Ministero della Cultura e della Comunicazione francese, dell’Istituto francese, Ministero degli Affari Esteri francese, per i suoi tour internazionali e ONDA – Ufficio Nazionale della Diffusione Artistica – per i suoi tour in Francia
R.B. Jérôme Bel 
consulenza artistica e direzione esecutiva Rebecca Lee
direttore di produzione Sandro Grando
consulenza tecnica Gilles Gentner
foto di locandina José Frade
si ringrazia Balletto di Roma, Centro Sociale Anziani Testaccio, Progetto Civico Zero, DAF Dance Arts Faculty / Spellbound Contemporary Ballett