ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent
©MARIE LOSIER

domenica 13 | 21:30
La Pelanda - Spazio Aperto
film
1h 15'

in inglese con sottotitoli in italiano

ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su Eventbrite
Biglietti

Marie Losier

The Ballad of Genesis and Lady Jaye

Genesis P-Orridge ha rappresentato una delle figure più innovative e influenti in ambito musicale ed artistico degli ultimi 30 anni. E’ stato il fondatore di gruppi leggendari come i COUM Transmissions (1969–1976), i Throbbing Gristle (1975–1981) e gli Psychic TV (dal 1981 fino alla sua morte), creando un ponte tra il pre e il post punk. Tutti i suoi gruppi hanno integrato la performance art nella musica rock. Celebrato da critici e storici come il pioniere della “industrial music,” Genesis ha apportato innovazioni che hanno trasformato il rock e l’elettronica; i suoi prodigiosi sforzi nell’ampliare i confini delle esibizioni dal vivo hanno cambiato definitivamente il modo in cui la gente fa esperienza del suono durante un concerto. Ma questo è solo il preambolo per ciò che è accaduto dopo. Sfidando i confini dell’arte, Genesis ha definito la sua stessa arte come una provocazione rispetto ai limiti della biologia. Nel 2000, Genesis ha cominciato un serie di interventi chirurgici per assomigliare sempre più alla sua amata Lady Jaye (nata Jacqueline Breyer), che è stata sua moglie e partner artistica per quasi 15 anni. E’ stato il suo atto di devozione definitivo e la sua performance più rischiosa, ambiziosa e sovversiva in assoluto: è diventato una donna in un atto trionfante di espressione artistica. Genesis ha chiamato questo progetto “Creating the Pandrogyne,” un tentativo di decostruire due identità individuali attraverso la creazione di un terzo invisibile. E’ una storia d’amore, il ritratto di due vite, che ci mostra la capacità trasformativa dell’amore e dell’arte. Marie Losier ci racconta i dettagli più intimi dello straordinario, inquietante mondo di Genesis. Tramite immagini intime e appassionate immortalate con una camera a mano, Losier costruisce una labirintica mise-en-scène di interviste, filmati casalinghi e riprese degli spettacoli. “The Ballad of Genesis and Lady Jaye” documenta un nuovo tipo di consapevolezza romantica, nonostante la quotidiana disumanizzazione del corpo a opera della presenza pervasiva della pubblicità e della pornografia. Bellezza, dignità e devozione vengono rappresentate da una prospettiva senza precedenti nel mondo cinematografico.


Short Theatre 2020 ospita anche Felix in Wonderland! di Marie Losier, in programma l’11 settembre.


Marie Losier, è una filmaker e curatrice francese che lavora a New York City da 20 anni. Losier
ha studiato letteratura all’università di Nanterre (France, BA, 1995) e arte a Hunter College
di New York (MFA, 2003). Ha diretto diversi ritratti avant-garde di registi, musicisti e compositori, come the Kuchar brothers, Guy Maddin, Richard Foreman, Tony Conrad, Genesis P-Orridge, Alan Vega, Peter Hristoff and Felix Kubin. Stravaganti, poetici, onirici e non convenzionali i suoi film esplorano la vita e il lavoro di questi artisti.
Oggi i suoi film sono portati nei più prestigiosi festival cinematografici (come Berlino, Rotterdam, Tribeca, CPH:DOX, Bafici, Cinéma du Réel, Hors Pistes, etc.) e nei musei di tutto il mondo, come la Tate Modern (Londra), il MOMA (NYC), Centre Pompidou (Parigi) o la French Cinémathèque e la Whitney Biennal (NYC).
marielosier.com

di Marie Losier
diretto, girato e montato da Marie Losier
secondo montatore Marc Vives
prodotto da Steve Holmgren, Marie Losier, Martin Marquet
assistente alla produzione Elyanna BlaserGould, Amy Browne
produttore storia Charlotte Mangin
con Genesis Breyer P-Orridge, Lady Jaye Breyer P-Orridge, Big Boy (Breyer P-Orridge) psychic TV / PTV3 Edley ODowd, Genesis Breyer P-Orridge, Lady Jaye Breyer P-Orridge, David Max, Markus Persson, Alice Genese, Thee Majesty Bryin Dall, Genesis Breyer P-Orridge
supervisiore alla post produzione / taglio negativo Ryan O’Toole
audio / compositore Bryin Dall
In collaborazione con la Francia in Scena, stagione artistica dell’Institut français Italia / Ambasciata di Francia in Italia e con il sostegno della Fondazione Nuovi Mecenati
© Courtesy of the artist