MENU CLOSE

Markus Öhrn

Bergman in Uganda

Gratuito

7 e 8 settembre | 21.00
La Pelanda – Galleria
Film, Installazione
1h20′


Markus Öhrn, attraverso un’installazione dal doppio punto di vista, analizza la borghesia bianca narrata da Ingmar Bergman nel film Persona del ’66. Il pubblico è fra due schermi: da una parte il capolavoro di Bergman e dall’altra il pubblico ugandese che assiste allo stesso film in una shantytown di Kampala.Un VeeJay si occupa delle due proiezioni raccontando e interpretando e il film per facilitarne la ricezione, insistendo su analogie e differenze, avvicinando la vita nelle baraccopoli ugandesi a quella nelle case estive della borghesia svedese, mettendo così sotto una nuova luce il mondo occidentale. Al centro della riflessione c’è la cultura occidentale, vagliata da occhi altrui, una cultura europea che cade sotto il fuoco incrociato di una doppia visione. Öhrn riprende il tema del nuovo colonialismo già affrontato nella video installazione White Ants/ Black Ants (2010) e nella performance We Love Africa and Africa loves Us (2012) approfondendo il nodo dell’imposizione gerarchica di paradigimi e valori, mettendo la cultura europea sotto una nuova luce.

Markus Öhrn, artista svedese residente artisticamente a Berlino, lavora tra performance, cinema, teatro e arti visive. Nelle sue installazioni video predilige l’utilizzo di materiale pre-esistente, come il film di 49 ore Magic Bullet, un montaggio cronologico dell’ archivio completo delle scene di film tagliate dalla censura svedese dal 1911 al 2011. La sua prima creazione teatrale, Conte d’Amour, un’esplorazione del lato oscuro dell’amore basata sul caso Fritzl in Austria, viene presentata al Festival di Avignone del 2012. A questa prima parte di una trilogia hanno fatto seguito le performance WeLove Africa and Africa LovesUs (2012) sulle fantasie post-coloniali di onnipotenza e le strutture familiari in Europa, e Bis zumTod (2014), una ‘black metal opera’. Le produzioni più recenti sono il progetto performativo Azdora per Santarcangelo Festival del Teatro in Piazza (2015-16), e Wirsind die GutenAdventkalender (2015) progetto speciale per la Volksbühne di Berlino. Le sue opere sono state presentato in Svezia e all’estero, in contesti come il Museo d’Arte Moderna di Stoccolma, Volksbühne e Arsenal a Berlino, Kunstenfestivaldesarts a Bruxelles, Theater Treffen a Berlino, WienerFestwochen, Festival d’Avignon, Festival Transamerique a Montreal, Theater DerWelt a Mannheim, e Live Arts Week a Bologna.


di Markus Öhrn
produzione Markus Öhrn, Swedish Subterranean Movie Company
in collaborazione con Stadsschouwburg Amsterdam, Volksbühne am Rosa-Luxemburg-Platz (Berlin), Swedish Arts Grants Committee e Kunstenfestivaldesarts (Bruxelles)