Group 4 Created with Sketch.

Progetti Europei

Fabulamundi. Playwriting Europe: Beyond borders? è un progetto di cooperazione che ha come obiettivo il sostegno e la promozione della drammaturgia contemporanea in Europa, al fine di consolidare e potenziare le attività e le strategie degli artisti che operano nel settore. Fabulamundi si svolgerà dal 2017 al 2020 in 10 paesi europei, con 15 partner fra teatri, festival e organizzazioni culturali in Italia, Francia, Germania, Spagna, Romania, Austria, Belgio, Polonia, Inghilterra e Repubblica Ceca, e con altri 8 paesi gemellati, coordinato da PAV. Il progetto – del quale Short Theatre è partner sin dall’inizio – è stato finanziato due volte della Commissione Europea, nel 2013 e nel 2015, e proseguirà adesso il suo viaggio attraverso l’Europa fino al 2020 grazie ai fondi di Creative Europe 2014-2020.

SHIFT KEY: SHIFT KEY Dal 2010 un gruppo di festival internazionali europei dedicati alle perfoming art ha deciso di costruire una rete con l’obiettivo di sostenere la mobilità degli artisti emergenti. International Theater Festival MESS (Sarajevo), Short Theatre (Roma), ACT Festival (Bilbao), BE FESTIVAL (Birmingham) e ITS Festival (Amsterdam) hanno così in questi sette anni contribuito alla mobilità e al sostegno di compagnie emergenti. SHIFT KEY è il loro nuovo progetto che per i prossimi due anni mira a rinvigorire e rinforzare il partenariato tra i festival per non solo facilitare la mobilità degli artisti ma per costruire un sostegno più solido alle loro carriere. Gli artisti selezionati sono: Sleepwalk collective (UK); Sra. Polaroiska (Spain); Alma Söderberg (Sweden); Bertrand Lesca and Nasi Voutsas (UK ); Teatro Sotterraneo (Italy); Oliver Zahn (Germany); David Espinosa (Spain); The Moving Island (Bosnia Herzegovina); 1er stratageme (France ); Radouan Mriziga (Belgium);Mokhallad Rasem (Belgium); Strasse (Italy)

MORE THAN THIS è un progetto di cooperazione europea che vede tra i partner L’Officina  – Festival Dansem e il Festival Parallèle – Productions Parallèle di Marsiglia, l’Universidad Carlos III de Madrid, Máterias Diversos di Lisbona, Kanuti Gildi SAAL di Tallin, Ramallah Contemporary Dance Festival e Short Theatre, il cui scopo è condividere con un vasto pubblico la complessità delle geografie da cui provengono i partner, dando forma a uno spazio comune e vibrante. MORE THAN THIS ridefinisce la nozione di “spostamento” come un cambiamento nel nostro modo di percepire identità e pratiche, ripensando le modalità di ospitalità, mettendo in discussione la nostra capacità di accogliere gli altri e di andare verso di loro. MORE THAN THIS riscrive la geografia e le metodologie del sistema delle arti dello spettacolo. Nuovi modi di produrre, programmare, condividere e ricevere.

FESTIVALS OF THE FUTURE è un progetto di cooperazione tra cinque festival, per esplorare insieme modelli alternativi e immaginare i festival del futuro in modo innovativo e sostenibile. Insieme a Short Theatre, gli altri partner sono Transform (Leeds) – capofila, MIRfestival (Atene), Take Me Somewhere (Glasgow) e Festival Parallèle – Productions Parallèle (Marseille), con i partner associati: D-Caf (Egitto), My Wild Flag (Svezia), Les Urbaines (Svizzera) e Homo Novus (Vilnius).
Attraverso residenze collettive e progetti collaborativi, Festivals of the Future riunirà gli staff dei festival coinvolti per interrogare ogni componente delle proprie pratichedi lavoro, da modelli a basse emissioni di carbonio, ai finanziamenti alternativi, fino alla leadership collaborativa, la co-creazione, lo sviluppo del pubblico e altro ancora.

INFRA – Inclusive Network for Refugee Artists è un crocevia tra sei festival culturali – Latitudes Contemporaines (France), Vooruit (Belgium), Short Theatre (Italy), Music and Drama Theater (Georgia), patner associati National School of Visual Arts La Cambre (Belgium) e MIR Festival (Greece) – che promuove la coabitazione e la professionalizzazione di artisti rifugiati e in esilio.

Al fine di facilitare l’inclusione degli artisti esiliati o rifugiati in Europa, i partner della rete INFRA hanno deciso di creare una sinergia di azioni, di cui i principali assi sono: un accompagnamento professionale individuale degli artisti, compresi i periodi di creazione, al fine di contribuire allo sviluppo della loro carriera, un ciclo di formazione di due anni che comprende la condivisione di conoscenze e background artistici per favorire l’acquisizione di competenze e la comprensione reciproca, incontri con il pubblico per incoraggiare la partecipazione alla vita culturale e sociale e la creazione di spazi interculturali, l’analisi delle pratiche professionali al fine di migliorare le metodologie di accompagnamento e la stesura di una guida metodologica al fine di diffonderle.