ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent

7 settembre | 19:30
8 settembre | 21:30
La Pelanda - Teatro 2
danza
1h05'

€10 / €7 ridotto (+ €2 d.p.)
Biglietti

Cherish Menzo

Jezebel

Cherish Menzo è artista e performer olandese di origini surinamesi. Dopo la collaborazione con divers_ coreograf_ – Akram Khan Company, Leo Lerus, Hanzel Nezza, Jan Martens, Nicole Beutler, Benjamin Kahn, Lisbeth Gruwez, Eszter Salamon e Ula Sickle – inizia il suo percorso artistico votato alla decostruzione degli stereotipi di genere.

La performance Jezebel trae ispirazione dalle “video vixen” , modelle iper-sessualizzate protagoniste dei video delle canzoni hip hop di fine anni Novanta e inizio anni 2000.
Tra scintillii d’oro, ritmi sincopati, abiti provocanti, l’immagine proposta da questo genere di filmati rafforza gli stereotipi
associati alle donne nere, in un cortocircuito tra autodeterminazione e oggettificazione. Chiamate anche “hip hop honey” e “video girls”, le video vixen sono state oggetto di critiche severe e bollate come “jezebels”, “poco di buono” dell’epoca. Nonostante i testi espliciti (di solito scritti da uomini) e l’aspetto provocante, le loro performance hanno avuto una grande influenza sull’estetica del periodo e sulla popolarità dell’artista (maschio).
Jezebel rifiuta di essere definita dagli altri. Naviga nel panorama della cultura hip hop alla ricerca di modi per rivendicare la propria immagine.

 


 

idea, coreografia e performance Cherish Menzo
luci e coordinamento tecnico Niels Runderkamp
musica Michael Nunes
video Andrea Casetti
costumi Daniel Smedeman
drammaturgia Renée Copraij
sguardo esterno Berthe Spoelstra, Christian Yav e Nicole Geertruida
vocal coach Shari Kok-Sey-Tjong
immagine Tatchatrin Choeychom
coproduzione Frascati Producties
responsabile produzione Bibi Scholten Van Aschat
distribuzione e tour management Grip e Frascati Producties
grazie a Benjamin Kahn e al Centre Chorégraphique Le Château / © Bas De Brouwer
con il sostegno dell’Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia
con il supporto di Amsterdam Fonds Voor De Kunst