ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent

12 settembre | 14:30 - 20:00
Teatro India - Sala A
drammaturgie/mise en espace

ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria su Eventbrite
Biglietti

École des Maîtres | XXIX edizione

La parola e il corpo assente

Ecole des Maîtres è un progetto di formazione teatrale avanzata concepito come un Atelier a carattere itinerante. Ideato da Franco Quadri nel 1990 e dedicato a giovani attori/attrici professionist_, finalizzato allo scambio di competenze su metodi e pratiche di messinscena, muovendo da testi, lingue e linguaggi artistici differenti.

A causa dell’emergenza sanitaria determinata dal Covid 19, la direzione artistica dell’Ecole ha promosso per il biennio 2020-2021 un’edizione speciale dedicata alle/ai drammaturgh_, affidandosi al drammaturgo italiano Davide Carnevali.

Questo non significa che distoglieremo l’attenzione dalla pratica scenica. Tutt’altro. Cercheremo di cogliere l’occasione per riflettere sul rapporto tra testo e scena, tra scrittura e vita, e lo faremo da un punto di vista differente: quello di chi, per la scena, scrive. (Davide Carnevali)

Giovani drammaturgh_ hanno lavorato alla creazione di un proprio testo teatrale da presentare pubblicamente in forma di letture sceniche nei diversi paesi del partenariato dell’Ecole des Maîtres, dopo essere state tradotte in italiano, francese e portoghese.

Un drammaturgo non scrive teatro, ma per il teatro. Una drammaturgia può cristallizzarsi in un meraviglioso documento di letteratura teatrale, ma non sarà teatro fino a che la parola non si farà corpo. Ammettere questa dipendenza del fatto linguistico dal fatto scenico non implica in alcun modo una rinuncia alla scrittura; obbliga piuttosto a ripensarla. Solo prendendo coscienza della propria insufficienza, del proprio essere dipendente da qualcos’altro, qualcosa di sconosciuto, di non ancora realizzato, il linguaggio diventa pienamente “linguaggio teatrale”. Linguaggio poetico e poietico. (Davide Carnevali)

 

In occasione di Short Theatre 2021, i testi delle/gli alliev_-drammaturgh_: Francesco Alberici, Liv Ferracchiati (Italia); Brune Bazin, Cecile Hupin (Belgio); Jean D’Amérique, Adèle Gascuel (Francia); Mariana Ferreira, Raquel S. (Portogallo), sono affidati a compagnie e performer della scena contemporanea italiana che daranno loro corpo.

 

La giornata è articolata in 3 sessioni, e così anche le compagnie che cureranno le letture/mise en space:
– 14.30 – 16.00: Manuela Cherubini/Centro Internazionale La Cometa, Valerio Malorni/Simone Amendola, Niccolò Matcovich
– 16.30 – 18.00: Liv Ferracchiati, Raffaele Bartoli, Andrea Dante Benazzo
– 18.30 – 20.00: Francesco Alberici, Caterina Marino/Lorenzo Bruno/Marco Fasciana

 


 

Buchi neri, una quadratura
di Brune Bazin
traduzione Maria Adele Palmieri
regia Manuela Cherubini
lettura a cura degli allievi del Centro Internazionale La Cometa
con: Chiara Bartolucci, Lorenzo Berardinucci, Daphne Folliero, Pietro Formentini, Simone Guaragna, Alice Lepidio, Fiammetta Mancini, Ilaria Pietrangeli e Martina Spampinato
Opera Polvere
di Jean d’Amerique
traduzione Maria Adele Palmieri
lettura a cura di Rueda/Habitas / regia di Nardinocchi/Matcovich
con Livia Antonelli, Chiara Aquaro, Claudia Guidi, Ilaria Giorgi, Niccolò Matcovich e Laura Nardinocchi
La faglia
di Adèle Gascuel
traduzione Maria Adele Palmieri
lettura a cura di Compagnia Amendola/Malorni a cura di Simone Amendola Valerio Malorni con Daniele Amendola e Valerio Malorni
Dopo la fine del mondo
di Liv Ferracchiati
con Andrea Cosentino, Liv Ferracchiati, Petra Valentini
Carne
di Raquel S.
traduzione Marco Marinuzzi
regia Raffaele Bartoli
sound e video Claire Mahieux
con Sara Mafodda e Diego Parlanti e con la gentile collaborazione di Andrea Dante Benazzo
Et cetera, Et cetera
di Mariana Ferreira
traduzione Marco Marinuzzi
lettura a cura di Andrea Dante Benazzo
con Francesca Astrei
supervisione suono e video Lorenzo Quagliozzi
Bidibibodibiboo
di Francesco Alberici
regia Francesco Alberici
con Francesco Alberici, Salvatore Aronica, Dario Merlini e Daniele Turconi
Una Storia Naturale
di Cécile Hupin
traduzione di Maria Adele Palmieri
lettura a cura di Caterina Marino/Lorenzo Bruno/Marco Fasciana coordinamento Caterina Marino
con Marco Fasciana, Mauro Lamantia e Caterina Marino
audio e video Lorenzo Bruno

partner di progetto e direzione artistica CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia (Italia), CREPA – Centre de Recherche et d’Expérimentation en Pédagogie Artistique (CFWB/Belgio), Teatro Nacional D. Maria II, TAGV – Teatro Académico de Gil Vicente (Portogallo), La Comédie, Centre Dramatique National de Reims, Comédie de Caen –  Centre Dramatique National de Normandie (Francia)
con il sostegno di Ministero della Cultura – Direzione Generale spettacolo, Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale cultura, sport e solidarietà, Fondazione Friuli (Italia)
con la partecipazione di  Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio d’Amico”, Short Theatre, Teatro di Roma – Teatro Nazionale, ERPAC – Ente Regionale Patrimonio Culturale Friuli Venezia Giulia (Italia), Théâtre de Liège – Centre européen de création théâtrale et chorégraphique, Centre des Arts scéniques, Ministère de la Communauté française – Service général des Arts de la scène, Wallonie-Bruxelles International (CFWB/Belgio); Ministère de la Culture et de la Communication, Fonds d’Assurance Formation des Activités du Spectacle (Francia); Universidade de Coimbra (Portogallo)