ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent
©ELENA COLOMBI

venerdì 4 | 23:00
WeGil - Piazzetta
selezioni musicali

5€ + 1€ d.p.
Biglietti

Elena Colombi

Elena Colombi è una DJ e conduttrice radiofonica; con i suoi set – portatori di apertura (e alterazione) mentale – gioca con le emozioni di chi ascolta e balla, attraverso modulazioni di intensità, tono, luce e ombra. L’unicità del suo approccio è dovuta ad un’ampia conoscenza delle più svariate culture musicali, suoni e ritmi, frutto dei viaggi intorno al mondo fatti con la famiglia fin dalla tenera età.
Questa mentalità nomade non l’ha mai abbandonata.
Nata in Italia, Elena Colombi ora vive ad Amsterdam dove prosegue la sua esplorazione della DJ culture privilegiando l’energia e l’emozione piuttosto che la forma e la funzione, e concentrandosi in particolare su artisti poco conosciuti.

Oltre a documentare i suoi gusti ad ampio raggio nel suo programma mensile su NTS, Elena ha creato dei mix eccezionali per F FACT e Crack Magazine, Beats In Space, Intergalactic FM, Digital Tsunami e Dekmantel; ha anche partecipato a una discussione live con John Talabot sull’arte del DJing, nell’ambito di un panel registrato da Resident Advisor e in seguito trasmesso all’interno dei podcast della RA Exchange.
Nel circuito dei festival si è esibita al Dekmantel, Club To Club, Nuits Sonores, ADE, Unsound e altri.
Gli elementi che compongono il suo percorso da DJ sono variegati e surreali quanto le sue perfette selezioni, un riflesso della sua capacità di tradurre la sua vasta cultura musicale e i suoi set in ambienti differenti. Tuttavia, il suo talento colpisce nel segno con maggiore forza proprio nei club.

futura-artists.com/elena-colombi

© Mai Nestor

Notes on Short Theatre 2020

 

Come descriveresti la tua musica?

La musica che seleziono è come se sviluppasse una personalità tutta sua una volta che è stata messa in azione: è uno spirito libero puro, che mantiene sempre una mentalità aperta, accoglie stati d’animo molto diversi fra loro. A volte è un pò capricciosa e prende di sorpresa sia il pubblico che me!

Chi o cosa – di reale o immaginario, presente, passato o futuro – credi abbia contribuito al tuo lavoro? Possiedi un oggetto o una traccia che lo racconta?

Un nebulizzatore da viaggio contenente un profumo fatto da me. L’olfatto è il senso più misterioso negli esseri umani, trovo la cosa alquanto affascinante e questo piccolo oggetto col tempo e’ come se fosse diventato un piccolo talismano che porto con me ovunque suono!

Cosa ti immagini dirai del tuo lavoro artistico tra quindici anni? E quindici anni fa, avresti mai immaginato di farlo?