ePrivacy and GPDR Cookie Consent by Cookie Consent
©TIAGO CADETE FIUME

mercoledì 9 | 16:30 + 18:30
La Pelanda - Altri spazi
performance itinerante
50'

prima nazionale

in italiano

5€ + 1€ d.p.∗
Biglietti

Tiago Cadete

Fiume

Fiume parla di un film che ancora non esiste. Una passeggiata lungo le rive del fiume Tevere in cui lo spettatore può ascoltare solamente la colonna sonora del film che si sta registrando lungo il percorso. Una lunga sequenza che interseca le storie del Tevere e del fiume Tago. I due fiumi hanno chilometri di storie da raccontare, due esseri viventi, testimoni e protagonisti di episodi straordinari e cruciali della storia. È stato il fiume Tejo (Tago dallo spagnolo) a creare Lisbona e il Tevere a creare Roma, circondata da favole e misteri. Il Tevere accolse i primi contadini, vide arrivare i marinai fenici e i romani. Le sue acque furono testimoni di grandiose e sanguinose battaglie navali, rivolte e attacchi. Entrambi divoravano barche, si infuriavano con tempeste, alluvioni e terremoti che colpivano chi abitava sulle sue sponde. Caravelle e navi partirono per colonizzare popoli sconosciuti agli europei. Gloria e tragedia. Mistero e intrighi. Vittoria e sconfitta. I due fiumi svelano curiosità che accostandosi raccontano una nuova storia.

Fiume di Tiago Cadete è presentato a Short Theatre 2020 grazie alla collaborazione con Materiais Diversos nell’ambito del Displacement of Festival / More Than This.


Lo spettacolo è itinerante, si tratterà di una passeggiata di 40 minuti circa dalla biglietteria de La Pelanda – Mattatoio di Roma a Ponte Garibaldi, si consigliano scarpe comode. Non è previsto un servizio di navetta.

Dopo l’acquisto del biglietto, per partecipare alla perfomance è obbligatorio inviare una mail all’indirizzo info@shorttheatre.org con in oggetto “Partecipazione TIAGO CADETE”. La mail è necessaria per ricevere tutte le informazioni sulle modalità di svolgimento della performance.


Tiago Cadete è nato in Portogallo e vive tra la terra natia e il Brasile. Lavora sul confine tra arti performative e arti visuali. Ha frequentato il dottorato in Visual Arts presso l’EBA-UFRJ, dopo aver conseguito la laurea. Vincitore di una borsa di studio del GDA-Gestão dos Direitos dos Artistas, ha frequentato un corso post laurea del Laban/Bartenieff System presso l’Angel Vianna/Laban Dance University. Ha anche una laurea in Teatro conseguito presso la Escola Superior de Teatro e Cinema. Nel 2011 ha partecipato al progetto europeo di ricerca e creazione sulla performance con nuove tecnologie A.D.A.P.T Advancing Digital Art Performance Techniques (Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Francia, Belgio).
tiagocadete.com

creazione Tiago Cadete
produzione Co-pacabana
voice over e sostegno drammaturgico
Catarina Vieira
con il sostegno di Materiais Diversos; Estúdios Vítor Cordon
voice over in italiano in via di definizione
nell’ambito di More Than This
©Tiago Cadete

Notes on Short Theatre 2020

 

Di cos’altro parla questo tuo lavoro, oltre ciò di cui racconti nella sinossi?

Il lavoro rivendica lo spazio pubblico, rendendolo spazio per la creazione e per lo svago, creando nuovi spunti di riflessione. In questo momento, in cui lo spazio pubblico assume un nuovo significato, le arti possono connettere gli artisti e gli spettatori ben oltre gli spazi fisici del teatro.
In Fiume, il pubblico cammina sulle sponde del fiume Tevere, ascoltando una colonna sonora di un film che non esiste ancora.

Chi o cosa – di reale o immaginario, presente, passato o futuro – credi abbia contribuito al nascere di questo lavoro?

Una bottiglia d’acqua senza nome o identificazione. Da dove viene e dove va. Non sappiamo se l’acqua può essere bevuta e non sappiamo se si tratta dell’acqua del fiume Tago o del fiume Tevere. La mancanza di nomi per l’acqua è ai limiti della realtà e l’immaginazione non può sapere da dove sta arrivando e dove sta andando.

Cosa ti immagini dirai di questo lavoro tra quindici anni? E quindici anni fa, avresti mai immaginato di farlo?

trascrizione audio

Sì, immagino che questo lavoro potrà essere fatto per molti anni. Potrà sempre vedere l’aggiunta di nuove storie da nuovi fiumi, e la camminata potrà essere fatta lungo molti fiumi.
Forse potrà essere un pò più lenta: non solo per questioni legate alla mia mobilità, ma anche per l’accumulazioni delle storie dei fiumi.